ASSOCIAZIONE PER I POPOLI MINACCIATI

L'associazione si occupa di diritti umani e dei popoli ed è attiva sulle questioni della cooperazione e solidarietà internazionale. È collegata al network eco-pacifista mondiale APC tramite il nodo PeaceLink di Bolzano (Link-Bz). La sede è a Bolzano in via dei Portici 49.
L'associazione ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Per informazioni:
Associazione per i popoli minacciati
c.p.233
39100 Bolzano
tel.0471/970489 fax 972240
E-mail GFBV@LINK-BZ.COMLINK.DE

FONDAZIONE INTERNAZIONALE NINO PASTI

La Fondazione Nino Pasti ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Per informazioni: Fondazione Nino Pasti
Paolo Pioppi
via Scarpanto 8
00139 ROMA
tel.06/8173247 fax 8174010
E-mail: s.lacommare@agora.stm.it

PEACE BRIGADES INTERNATIONAL (PBI)

COSA SONO. Le PBI (Peace Brigades International) sono un'organizzazione nonviolenta, apartitica, aconfessionale. Furono fondate in Canada nel 1981 da alcuni attivisti nonviolenti ispirati alle "shanti sena" gandiane (attive in India da più di 30 anni) e sulla base dell'esperienza della world peace brigades negli anni '60-'70.
COSA FANNO. Scopo delle PBI è prestare aiuto a persone o movimenti popolari che operano per la pace e la giustizia in zone di conflitto. Per raggiungere questo obiettivo, vengono inviate equipes di persone ben preparate che cercano - per quanto è possibile - di mantenere aperti quegli spazi di libertà che i gruppi popolari stanno faticosamente conquistandosi per arrivare ad una pace fondata sulla giustizia e sul rispetto dei diritti umani. A tal fine la loro attività è costituita da:
  • servizio di scorta a persone e gruppi minacciati (presenza costante di uno straniero, con targhetta d'identità nem visibile e macchina fotografica, accanto alla persona a rischio, durante le manifestazioni di massa e azioni di protesta promosse dai movimenti popolari o presso le sedi dei gruppi di base);
  • documentazione e testimonianza internazionale;
  • facilitazione del dialogo tra le parti in conflitto;
  • informazione e formazione sui metodi nonviolenti e sull'educazione alla pace.
DOVE. Le PBI intervengono su richiesta in paesi con condizioni di disagio sociale ed economico, dilaniati da violenza strutturale e/o dove le situazioni di conflitto violento tra gruppi diversi della popolazione sono evidenti e gravi.
Attualmente le PBI sono presenti in Guatemala, Nicaragua, El Salvador, Sri Lanka. Molte sono le richieste di intervento che le PBI non sono in grado di soddisfare per problemi economici o per carenza di volontari.
COME SI PUÒ PARTECIPARE. In ogni paese c'è continuo bisogno di: - partecipanti alle reti d'urgenza che svolgano azioni dimostrative immediate come l'invio di telegrammi, fax, lettere ecc. ogni volta che si verifichi un caso di violazione dei diritti umani, di minacce, scomparse, uccisioni o nell'eventualità venga messa a repentaglio la vita di qualcuno;
  • contributi economici (i fondi delle PBI derivano da donazioni private, fondazioni, associazioni e da specici contributi del governo canadese e svedese);
  • nuovi volontari pronti ad andare nei paesi nei quali si sta realizzando un progetto;
  • nuovi simpatizzanti che collaborino a far conoscere le PBI.
PUNTI DI RIFERIMENTO IN ITALIA:
  • Brescia, Giancarlo Bono: tel.030/3772225
  • Cagliari, Patrizia Lanero, tel.070/490454
  • Genova, Maura e Michele Fuser, tel.010/6054236
  • Mantova, Flavia Brigoni, tel.0376/868523
  • Torino, Claudio Tiozzo, tel.011/9603567
  • Varese, Alessia Bombelli, tel.0331/857576
  • Vicenza, Sergio Pegoraro, tel.0444/509183
  • Sede nazionale: tel.0444/547368 (ogni martedì sera).
L'associazione ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
ABBONAMENTO ANNUALE AL BOLLETTINO: Lire 10.000
SOCIO ORDINARIO: Lire 25.000 (sostenitore Lire 30.000); l'associazione comprende l'abbonamento al bollettino.
Versamenti sul CCP 13104369 intestato a Associazione PBI Italia, Contrà Mure Pallamaio 57, 36100 Vicenza.

PAX CHRISTI

Pax Christi è un movimento internazionale cattolico per la pace, nato dopo la seconda guerra mondiale, ad opera di due sacerdoti di due paesi nemici, un francese ed un tedesco, che, come segno di riconciliazione, lavorarono contro la guerra.
È presente a livello internazionale in varie nazioni ed è stato riconosciuto dall'ONU come organismo non governativo di tipo B per il suo impegno in difesa dei diritti umani e di promozione della pace. Instancabile animatore di Pax Christi è stato mons. Tonino Bello, vescovo di Molfetta, recentemente scomparso. Pax Christi lavora all'interno della Chiesa e della società per la diffusione dell'educazione alla pace e promuove l'obiezione fiscale alle spese militari.
La Casa per la Pace è una delle strutture nazionali di Pax Christi. Sorge vicino a Firenze, in collina. In essa si svolgono attività di studio, documentazione e formazione per la crescita di una cultura della pace. La struttura offre i seguenti servizi: ospitalità, convegni, corsi, seminari, training, conferenze, tavole rotonde. Ospita il Centro Studi Economico-Sociali per la pace: rettore mon.Luigi Bettazzi, coordinatore prof.Umberto Allegretti.
Il Centro ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma; referente: Andrea Morano (tel.0883/508292).
Per saperne di più: Gianni Gatti, Casa per la Pace, via Quintole
per le rose 131/133, 50029 Tavernuzze (FI), tel./fax 055/2034505.

Rivista di Pax Christi: MOSAICO DI PACE (Via d'Azeglio 46, 70056 Molfetta - BA). E-mail: meridian@iqsnet.it
Segreteria Nazionale Pax Christi, via Petronelli 6, 70052 Bisceglie (BA), tel./fax 080/8753507. Email: pxitalia@diana.it

IL PONTE

È una struttura per la cooperazione internazionale aderente alla Focsiv.
Il centro di documentazione "Il Ponte" è collegato telematicamente alla banca dati brasiliana AlterNex, mediante il network APC. L'ASAL ne assicura la documentalistica ed i collegamenti alle reti telematiche.
"Il Ponte" ha avviato un contatto con il nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma. Contatto: Marisa Del Monte.
Per informazioni:
"Il Ponte"
via del Conservatorio 1
00186 Roma
tel.06/6877796-867
E-mail: ilponte@ax.apc.org

IL SALVAGENTE

"Il Salvagente" è un settimanale distribuito in edicola e stampato su carta riciclata celeste dedicato ai consumatori e ai cittadini. Il taglio è quello del giornale che informa sui prodotti e i servizi evidenziando i diritti dei cittadini e le potenziali truffe a danno dei consumatori. Realizza test di qualità sui prodotti e basa la propria indipendenza operando una precisa scelta: quella di non ospitare alcuna inserzione pubblicitaria.
"Il Salvagente" ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
La redazione mantiene i contatti con gli abbonati mediante un numero verde: 167-015260 (attivo dal martedì al giovedì, ore 10/13 e 16/18).
Abbonamenti: CCP 69412005 intestato a Società cooperativa editoriale Il Salvagente, via Pinerolo 43, 00182 Roma, 79.000 (annuale), Lire 40.000 (semestrale), Lire 21.000 (trimestrale), Lire 100.000 (sostenitore annuale).
Direzione e redazione: via Pinerolo 43, 00182 Roma
tel.06/7020265-7020413-7020440, fax 06/7020026
E-mail: salvagente@tol.it

ASSOCIAZIONE PER LO SBATTEZZO

È un'associazione anticlericale. Pubblica il giornale "Il Peccato" (2 numeri all'anno, tiratura 12.000 copie).
L'associazione ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Per informazioni: Associazione per lo sbattezzo
c/o Circolo Culturale "N.Papini"
via Garibaldi 47
61032 Fano (PS)
tel./fax 0721/829369

SERVIZIO CIVILE INTERNAZIONALE (SCI)

Il Servizio Civile Internazionale, membro consultivo dell'Unesco e del Consiglio d'Europa, è un'organizzazione laica di volontariato presente in 60 nazioni. Promuove da oltre 70 anni attività e campi di lavoro sui temi della pace e del disarmo, dell'obiezione di coscienza, della cooperazione e della solidarietà internazionale, della tutela dell'ambiente e della protezione civile, dell'emarginazione sociale. Lo SCI fu fondato nel 1920 da un obiettore di coscienza svizzero, Pierre Ceresole, che organizzò, dopo la tragedia della prima guerra mondiale, dei campi di lavoro per ricostruire alcuni villaggi distrutti dal conflitto, lungo il confine franco-tedesco. Nel 1948 fu fondata la branca italiana dell'associazione.
Lo scopo dello SCI è quello di contribuire, attraverso il lavoro volontario, a creare nuovi rapporti di cooperazione internazionale e comprensione fra i popoli. Lo SCI è impegnato per il superamento delle situazioni di diseguaglianza, ingiustizia, alienazione, degrado, sottosviluppo, violazione dei diritti umani. "Non parole ma fatti" è il motto dell'associazione, all'insegna della concretezza della propria azione. Attualmente lo SCI coordina una campagna di solidarietà verso il popolo di Timor Est, oppresso e decimato dalla dittatura militare indonesiana. Lo SCI è promotore della campagna di obiezione fiscale alle spese militari. L'associazione ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Lo SCI ed è collegato alla rete telematica internazionale APC (e-mail SMARTINELLI@LINK-BZ.COMLINK.APC.ORG)
Lo SCI pubblica il periodico "Centofiori".
Per informazioni: Servizio Civile Internazionale, via dei Laterani 28, 00184 Roma
tel.06/7005367 fax 7005472, CCP 79042008
E-mail: SCI-ITALY@LINK-BZ.comlink.apc.org

I SICILIANI

"I Siciliani" fu fondato da Giuseppe Fava, giornalista assassinato dalla mafia. Attualmente è un mensile distribuito in edicola in tutt'Italia. Promuove l'informazione antimafia e punta su un rapporto molto stretto con i lettori attraverso l'azionariato popolare. Tra i progetti del giornale c'è quello di diventare settimanale e, in prospettiva, quotidiano.
"I Siciliani" si offrono come supporto e consulenza tecnica per la costituzione di una rete di giornali locali indipendenti e liberi. All'interno di questa cornice la redazione promuove una computer conference sulla rete telematica PeaceLink di cui cura il settore giornalistico. "I Siciliani" stanno realizzando dei corsi di giornalismo nell'ambito di un più globale programma di costituzione di una struttura formativa orientata alla cultura della comunicazione multimediale.
Il giornale ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Redazione: viale Regina Margherita 10, 95100 Catania
tel.095/432953 fax 434223

"I Siciliani" promuove fogli di collegamento pubblicati come supplemento al mensile con redazioni composte da gruppi esterni che gestiscono autonomamente le pubblicazioni. "Imminews" è uno di questi.
Imminews si propone una informazione che valorizzi gli immigrati non solo come lavoratori ma anche come portatori di cultura, di una coscienza politica, di ideali che vanno rispettati.
In questa direzione va "Imminews", un foglio che viene distribuito a Catania, un foglio realizzato da un gruppo di immigrati che vive in questa città. Questo foglio, che si propone come spazio autogestito in cui gli immigrati possono esprimersi, denunciare, proporre, progettare, vuole essere il primo di una serie di giornali e giornaletti locali autogestiti dagli stessi immigrati in un contesto sociale sempre più stretto e ostile nei loro confronti.
La redazione di Imminews vuole creare una Rete di Testate Autogestite da immigrati e fare in modo che tramite essa ci sia uno scambio d'informazione tra gli immigrati in tutto il territorio italiano.
Per informazionie adesioni: tel/fax 095-322233 (presso la Casa della Solidarietà)
oppure presso la redazione de I Siciliani. Chiedere di Rida.

SOS SOLDATI

È un'iniziativa di assistenza delle famiglie di quei militari che in tempo di pace rischiano o perdono la vita durante la naja. Nasce dall'attività dell'associazione ANAVAFAF. È promossa da Falco Accame, ex presidente della Commissione Difesa ed ora presidente del Comitato SEAULL per la sicurezza dei marittimi.
Ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Per informazioni: SOS SOLDATI - Falco Accame
via Sutri 19
Roma
tel./fax 06/3331689

SOTTOVOCE

Sottotitolo: "le parole sono importanti".
Sottovoce è un giornale di informazione e racconti con redazione telematica, basato sul concetto che ogni questione di natura politica deve essere trattata da due punti di vista diversi e quindi da due autori distinti. Le pagine politiche sono quindi divise a metà e il lettore può confrontare le due tesi. Ampio lo spazio sul sociale e sulla narrazione. Il giornale si avvale della collaborazione di utenti di reti telematiche diverse mediante una computer conference multirete, denominata SOTTOVOCE.ITA.
Attualmente è in corso una ristrutturazione per accentuare la distribuzione del giornale via telematica.
Sottovoce ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Per informazioni: Gianluca Neri, point di Taras Communication (BBS centrale di PeaceLink), computer conference SOTTOVOCE.ITA, modem 099/4746313.

ASSOCIAZIONE TERZO POLO

L'associazione si muove sul versante della libertà dell'informazione e si occupa di comunicazione multimediale, offrendo un raccordo fra iniziative locali costituitesi in questo ambito.
L'associazione ha aderito al nuovo soggetto informativo costituitosi nel convegno della rete telematica PeaceLink del 29 ottobre 1994 a Roma.
Segretario: Giulio Cesare Rattazzi
Presidente: Tommaso Mastrandrea
Per informazioni: Associazione Terzo Polo
via Ippolito Nievo 28/1
20145 Milano
tel.02/48013791
fax 02/48013812

PEACELINK È ANCHE...

Anche se attualmente non sono sempre collegati per difficoltà tecniche, PeaceLink ha stretti legami di collaborazione con:
  • l'ELISOCCORSO MONTECALVOLI PISA (numero verde 1678 63163) coordinato dal dott.Francesco Ferrante.
  • il CONSORZIO ITALIANO DI SOLIDARIETÀ (animato - per l'aspetto delle comunicazioni - da Tiziano Tissino) per il coordinamento degli aiuti alla ex Jugoslavia.
    Per informazioni:
    Uffici di Roma:
    via G. Vico 22 00196 Roma
    tel. 06-3212242, 3214606
    fax. 06-3216705
    Via dei Mille, 23 00185 Roma
    tel. 06-4465455
    fax. 06-4465934

    e-mail: tissino@tin.it (Tiziano Tissino)
    e-mail: teepee@mbox.vol.it (Loris Tissino)
    e-mail: c.volpicelli@agora.stm.it

PeaceLink riceve gratuitamente diverse riviste, inviate prevalentemente dalle strutture aderenti al nuovo soggetto comunicativo (es.Azione Nonviolenta, Guerre&Pace, Fogli di collegamento degli Obiettori, Qualevita, Il Giornale della Natura, Erbe, Oscar Report, ecc.). Ha ricevuto e riceve inoltre - come riconoscimento della sua funzione informativa - le seguenti riviste:
  • ALOGON (periodico sull'handicap)
  • ASPE (agenzia stampa su pace ambiente disagio)
  • BOYCOTT (mensile di Mani Tese)
  • L'EDUCATORE (quindicinale)
  • LE SCELTE DEL CONSUMATORE (agenzia quotidiana)
  • ONDE LUNGHE (rivista pacifista)
  • PEACE COURIER (Finlandia, mensile)
  • PEACE NEWS (Inghilterra, mensile)
  • PICCOLO PIANETA (mensile della Focsiv)
  • POSTER (periodico pacifista trentino)
  • TRA TERRA E CIELO (periodico di ecologia)
ed altre di cui daremo informazione nei prossimi messaggi.

PeaceLink ha visto presenti al Convegno del 29/10/94 altre associazioni e strutture con le quali intende prendere contatti, fra cui:
    Ass.degli Operatori di Cooperaz.allo Sviluppo;
  • Brain Cells;
  • Laboratorio Tecnologie Audiovistive III Univ.Roma;
  • Stampa Sera;
  • La Strada;
  • Videomusic;
  • Ass.Operatori Tecnici Volontari;
  • Coop.Soci L'Unità; La Sera;
  • ACAT;
  • CRT;
  • Avana BBS;
  • Centro Poggeschi - ECN Bologna;
e altri ancora che ci dipiace non poter ora citare tutti.
Siamo disponibili ad un aggiornamento e completamento di queste comunicazioni informative, nell'auspicio di fornire - come PeaceLink - una bacheca comune per tutti.






Homepage


Sostieni la telematica per la pace, versa un contributo sul c.c.p. 13403746
intestato ad Associazione PeaceLink, via Galuppi 15, 74010 Statte (TA)
PeaceLink 1997