Torna alla homepage
    
Cerca nel sito con FreeFind
Clicca per mandare un email Scrivi a PeaceLink
Homepage  |  Chi siamo  |  Come contattarci  |  Mappa del sito  |  Come navigare nel sito  |  Aiuta PeaceLink
Editoriale

PeaceLink-News
L'agenzia stampa di PeaceLink

PeaceLink database
Una banca dati in cui sono state organizzate informazioni utili sulle associazioni e le riviste dell'area ecopacifista e del volontariato.

PeaceLink-Dossier

PeaceLink-Libri
Libri per imparare e aiutare

Appelli
Appelli medici e diritti umani violati

Appuntamenti
Calendario delle iniziative di Pace in Italia


Sostieni la telematica per la pace, versa un contributo sul c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, via Galuppi 15, 74010 Statte (TA) - PeaceLink 1995/2000

Editoriale

Vai ai numeri precedenti


Padroni della guerra

A guidare le Forze Armate italiane in guerra il ministro della Difesa Antonio Martino, che a suo tempo non ha fatto il militare: fu riformato per "ridotte attitudini militari". Anche il ministro degli Esteri Renato Ruggiero stato sfortunato: quindici giorni prima di indossare l'uniforme cadde dagli sci a Roccaraso e ottenne l'esonero. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha fatto solo pochi giorni di Car (Centro addestramento reclute) e poi ritornato a casa: non ha avuto neanche il tempo per scattarsi una foto col fucile in mano da inserire nella sua biografia illustrata, quella distribuita a tutti gli italiani per le elezioni. Il leader dell'opposizione Francesco Rutelli le armi non le voleva assolutamente usare e si dichiarato obiettore di coscienza: tuttavia ora schierato per la guerra. Il presidente degli Stati Uniti George Bush ha invece fatto il servizio militare (a differenza di Bill Clinton) ma come il suo predecessore non ha provato l'emozione del Vietnam.

Volete un'informazione utile? Se state partendo per il militare controllate se avete una sinusite cronica: basta per non indossare la divisa e seguirete cos le orme del ministro degli Interni Claudio Scajola. Il sottoscritto ha fatto le guardie armate con la broncopolmonite cronica, ma pazienza, gli sar sfuggita qualche informazione. Al ministro Umberto Bossi invece non sfuggito nulla: "nipote di inabile" ha saputo sfruttare una vecchia leggina che ad alcuni milioni di italiani forse sfuggita.

N.B. Per la stesura del testo mi sono avvalso delle informazioni apparse sul Corriere della Sera del 7/11/2001.

Alessandro Marescotti
presidente di PeaceLink
a.marescotti@peacelink.it